Fatturazione elettronica ed e-commerce

Lug 31, 2019

Tempo di lettura: 5 minutes

Da primo gennaio 2019 è diventato obbligatoria l’emissione della fattura elettronica da parte di determinati soggetti. In questo articolo ti spiegherò come la fatturazione elettronica influisce sulla struttura dell’e-commerce e le possibili integrazioni.

Cosa è la fatturazione elettronica?

La rivoluzione tecnologica in corso ha portato alla digitalizzazione del processo di compilazione, emissione, consegna e conservazione delle fatture e se vendi i tuoi prodotti o servizi online anche tu dovrai adeguarti.

Cosa è concretamente? La fattura elettronica è un file XML (eXtensible Markup Language) che viene generato, trasmesso e conservato in modo digitale.

Tutte le fatture elettroniche vengono firmate digitalmente, tramite firma elettronica qualificata, da chi emette la fattura (o da un intermediario) in modo che si garantisca l’origine e il contenuto.

Dopo che è stata firmata dovrà essere inviata attraverso il Sistema di Interscambio, il quale verifica la correttezza della fattura e la consegna al destinatario.

Infine si ha l’obbligo di conservazione per 10 anni.

Chi deve emettere fattura elettronica?

Dall’inizio di quest’anno l’obbligo di emissione di fatture elettroniche include tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi tra soggetti privati, con o senza partita IVA (consumatori finali).

Questi però devono essere residenti, stabiliti e identificati all’interno del territorio dello Stato italiano.

Chi NON deve emettere fattura elettronica?

Secondo la normativa i soggetti che sono esonerati dall’emissione sono:

  • coloro che appartengono al regime forfettario;
  • coloro che appartengono al regime dei minimi o al regime di vantaggio;
  • coloro che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi nei confronti di non residenti, sia comunitari che extracomunitari;
  • piccoli produttori agricoli che erano già esonerati dall’emissione di fattura.

Tutti i soggetti esonerati devono però fare attenzione, perché sono solo esonerati dall’emissione, ma devono comunque essere in grado di ricevere le fatture elettroniche.

E-commerce diretto e indiretto

Nel caso tu abbia un e-commerce e vuoi capire in quali sei obbligato ad emettere fattura elettronica è necessario fare una distinzione tra e-commerce diretto ed indiretto.

Per e-commerce diretto si intendono tutti quegli e-commerce che vendono beni immateriali che vengono assimilati alle prestazioni di servizi. In questo caso tutte le fasi avvengono online. Rientrano in questo caso la vendita di eBook, software, immagini e così via.

In questo caso si ha l’obbligo di emissione di fattura dietro richiesta del cliente, in tutti gli altri casi si ha l’obbligo di tenere un registro dei corrispettivi.

Per e-commerce indiretto si intendono tutti quei negozi online che vendono beni fisici e quindi hanno necessità di consegna del bene. Anche per loro la normativa prevedere che la fattura elettronica venga emessa dietro richiesta del cliente, a meno che il cliente sia un soggetto passivo.

In quest’ultimo caso se il soggetto passivo acquista il bene nell’esercizio della sua attività imprenditoriale è obbligato a richiedere l’emissione della fattura.

La normativa prevede comunque l’annotazione sui registri dei corrispettivi delle operazioni effettuate nel caso non si abbia l’obbligo di emissione della fattura.

Data la possibilità da parte di chi acquista online di richiedere l’emissione della fattura elettronica il tuo eCommerce deve permettere all’utente di fornire i dati necessari alla sua emissione, tra i quali troviamo anche indirizzo PEC e codice destinatario.

Fai da te o fare affidamento ad un software privato?

Saprai che l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione diversi servizi gratuiti per predisporre, inviare, conservare e consultare le fatture elettroniche.

Questi servizi permettono veramente un risparmio in caso di eCommerce?

Sono convenienti se il tuo negozio online emette un numero contenuto di fatture in quanto dovrai inserire manualmente tutti i dati che poi andranno a costituire il file XML.

In alternativa vengono offerti software di fatturazione a pagamento che permettono di gestire tutto il processo di fatturazione, includendo integrazioni per tutti gli eCommerce sviluppati con i principali CMS (Prestashop,WooCommerce, ecc.,).

In linea di massima quando emetti fattura con il tuo negozio online, questa viene trasferita al tuo software di fatturazione che ti permetterà di generare, firmare, inviare e in molti casi anche conservare le fatture elettroniche automatizzando tutto il processo.

I principali vantaggi sono:

  • risparmio di tempo grazie all’automatizzazione del processo di fatturazione elettronica tra il tuo negozio online e il software di fatturazione;
  • modalità semplificata di gestione delle fatture elettroniche tramite interfacce intuitive e rapide;
  • alcuni software permettono al tuo commercialista di accedere in modo semplice ai alla tua contabilità ed effettuare operazioni come il pagamento di F24.

In conclusione

Riassumendo se vendi online, sei obbligato ad emettere fattura elettronica e hai un numero considerevole di fatture da emettere ti consigliamo di affidarti ad un software di fatturazione permette di effettuare, oltre alle operazioni relative alla fatturazione elettronica, l’integrazione con il tuo CMS e possibilmente con il tuo commercialista.

Questo ti permetterà di risparmiare molto tempo e di automatizzare i servizi a fronte di un piccolo pagamento.

Ovviamente il tuo eCommerce deve prevedere l’inserimento di tutti i dati obbligatori per emettere fattura elettronica, tra i quali la PEC e il codice destinatario.